Progetti

INCD Studio

Nel 2010 ho fondato uno studio di consulenza e produzioni musicali che si occupa di registrazione di brani, realizzazione di CD audio, produzione arrangiamenti e colonne sonore, restauro del suono. Lo studio progetta e realizza eventi per private, aziende e associazioni, sotto forma di concerti e intrattenimenti musicali.

il SETTICLAVIO aps

La missione dell’Associazione di Promozione sociale il SETTICLAVIO è sostenere le Onlus nei loro progetti utilizzando come strumento la cultura in ogni sua forma: musica, teatro, danza, arti visive e letteratura, l’obiettivo è quello di coinvolgere le persone attraverso le emozioni dell’arte a sostenere le cause filantropiche.

Concerti e produzioni musicali

Le Grand Tango
Racconti di un sobborgo di Buenos Aires

Lo spettacolo nasce dalla volontà di realizzare una fusione tra le musiche di Astor Piazzolla e la danza, dando vita ad un Quintetto costituito da due musicisti, due ballerini e un narratore.

Leggi di più

L’origine del progetto trova vita attraverso l’iniziale impegnativo lavoro di Luca Maggioni e Flaviano Braga che realizzano la trasposizione musicale e gli arrangiamenti di alcuni tra i più famosi brani di Piazzolla per Viola, Fisarmonica e Bandoneon. Dopo un lungo lavoro di studio e affiatamento musicale, l’esordio avviene il 5 luglio del 2014 con un concerto a Milano presso il Palazzo delle Stelline, il cui successo è confermato da un folto pubblico. Del 2015 è la realizzazione del CD Le Grand Tango registrato a Milano presso INCD Studio. Dopo questo primo traguardo, l’intenzione è quella di unire musica, danza e teatro, trovando il naturale compimento dell’esecuzione dei brani attraverso l’espressione coreutica del tango argentino. Lo scopo è quello di creare uno spettacolo ben strutturato, che narri un racconto nel quale i ballerini sono espressione delle emozioni sinfoniche e delle suggestioni che il compositore trasmette. I brani presentati sono l’opera di un genio musicale del Tango Argentino e lo spettacolo intende valorizzarli nel rispetto della tradizione culturale di questo genere, che trova nella danza la sua peculiare caratteristica di manifestazione interpretativa ed ‘esecutiva’. Nel Tango Argentino, infatti, il ballerino viene considerato anch’esso come uno strumento musicale necessario per dare compiutezza alla melodia ed al ritmo, attraverso il tipico segno distintivo dell’interpretazione personale che caratterizza questo ballo.

Share:




Amaros Trio

Amaros TRIO nasce dall’incontro del Duo Le Grand Tango e Filly Lupo
Uniti dalla passione per Astor Piazzolla ed i suoi capolavori che hanno cambiato per sempre il Tango argentino delle origini.
Il trio propone i brani scritti da Piazzolla per Milva che piena di ammirazione per il Bandoneonista Rivoluzionario si fece interprete del suo genio creativo.
La Voce di Filly Lupo insieme a Flaviano Braga con il suo Bandoneon e Luca Maggioni alla Viola fanno rivivere attraverso il Recital Noche de Astor i tanghi che fecero la storia nell’epoca in cui per la prima volta il tango faceva il suo ingresso nei teatri d’Italia.

Quartetto Scrollavezza di Tomaso Valdinoci©

Alla fine degli anni sessanta del secolo scorso, il maestro Tomaso Valdinoci (1911-1978) celebre prima viola del Teatro alla Scala di Milano, nonché uno dei membri costituenti il primo quartetto del teatro stesso, commissiona all’importante liutaio parmense Renato Scrollavezza la costruzione di un intero quartetto d’archi.

Leggi di più

I quattro strumenti vengono terminati nel 1970 e Scrollavezza li consegna al committente, avendo dato al quartetto il nome “Arturo Toscanini”. I due violini, la viola e il violoncello, riconoscibili per un caratteristico colore giallo paglierino, verranno suonati fino al 1973 e poi custoditi in una bacheca per alcuni decenni.
Il nipote di Tomaso Valdinoci, allora suo giovanissimo allievo, segue il nonno nei concerti che tiene con il quartetto, acquisendo così una forte passione per la musica da camera.
Nel 2016, insieme a Marco Ferri (violinista del Teatro Comunale di Bologna), a Stefano Lo Re (violinista del Teatro alla Scala di Milano), ad Andrea Favalessa (violoncellista nell’orchestra della Fondazione I Pomeriggi Musicali di Milano), il nipote Luca Maggioni, violista nell’orchestra della Fondazione I Pomeriggi Musicali di Milano, costituisce e fonda il “Quartetto Scrollavezza di Tomaso Valdinoci”.
Lo scopo è di valorizzare gli strumenti del liutaio parmense e onorare la memoria del maestro Valdinoci, che dedicò un’intera carriera al repertorio cameristico.

Share:




Renaissance

Che cos’è la Vita, se non una stupenda e faticosa palestra, dove apprendere tutte le lezioni necessarie alla nostra crescita interiore? Partendo da questa considerazione Laura Gessner cantautrice sente l’esigenza di dare vita a dodici canzoni composte assieme alla scrittrice Susanna Garavaglia, con lo scopo di diffondere una visione più positiva della Vita, dove anche le crisi possono essere viste come opportunità di crescita, ad ogni caduta può seguire una rinascita che ci fa scoprire più forti, più ricchi, più evoluti.

L'usignolo dell'Imperatore

Una delle meravigliose fiabe di Andersen messa in musica da Luca Maggioni per flauto, viola, pianoforte e voce recitante, una sorta di teatro cameristico dove la narrazione si accompagna e si unisce alla musica che fa da sfondo e commenta. I due usignoli, quello meccanico affidato alla viola e quello vero impersonato dal flauto, dovranno contendersi a suon di gorgheggi un posto alla corte  dell’Imperatore della Cina.

Canto di Natale

Scritto nel 1843 questo meraviglioso capolavoro viene riproposto in una forma concertistica di teatro e musica, nella quale la parola e i suoni si alternano e si uniscono in un crescendo di suggestioni, quasi a far vivere all’ascoltatore una sorta di melodramma cameristico.

Leggi di più

Il romanzo giudicato dal critico inglese Charles Percy Snow “miracoloso” ha come protagonista Ebenezer Scrooge un avido e gelidamente insensibile uomo che si prepara a festeggiare il Natale nella solitudine per convinta avversità ed indifferenza verso questo evento. La notte della vigilia gli appare il fantasma del defunto Jacob Marley, suo socio in affari morto da anni, il quale gli annuncia che tre spiriti verranno a fargli visita. Il primo spirito è il fantasma del Natale passato che gli rievoca momenti della sua vita da bambino e da giovane, il secondo spirito è il fantasma del Natale presente che gli fa provare il calore di una festa semplice e piena di amore, il terzo spirito è il fantasma del Natale futuro che gli mostra il suo destino: una triste fine inaridita dal suo cinismo. Il vecchio Sgrooge si risveglia da questo incubo profondamente pentito del suo comportamento e con animo votato al prossimo cambierà il suo destino. Un romanzo di geniale fantasia e con una morale ricca di valori spirituali, tale da farci riflettere, non solo nel magico e meraviglioso giorno di Natale ma per tutto l’anno, e destare il piccolo “Sgrooge” che c’è in noi.

Silvia Sartorio  voce recitante

quartetto d’archi “Quattro Corde

musiche di scena di vari autori tratte dal repertorio cameristico

proiezioni  scenografiche con le illustrazioni di William Geldart

Share:




canto di natale

Come una storia vera

Ispirato al famoso romanzo “il Piccolo Principe” un originale adattamento per voce recitante e quartetto d’archi. Stefano Orlandi attore, Quattro Corde quartetto d’archi.

come una storia vera
Share:
Luca Maggioni - Privacy Policy